screw-1
wall
screw-3 tape measure

Allacciate le cinture e scatenate la fantasia

Red Bull Flugtag 2016: per saperne di più

Il Red Bull Flugtag sfida gli scaltri e i coraggiosi a farsi beffe delle leggi della gravità per librarsi in volo – o, come più spesso accade, effettuare un ammaraggio d'emergenza – lanciandosi da una piattaforma di sei metri d'altezza a bordo di una macchina volante da loro progettata, costruita e pilotata. L'obiettivo è quello di abbattere i limiti del volo a propulsione esclusivamente muscolare. Per conquistare il podio non basta però volare il più a lungo possibile. Solo chi saprà distinguersi in termini sia di distanza coperta che di creatività ed esibizione è destinato a entrare nella storia del volo. E proprio per questo in passato si sono viste macchine volanti a forma di tacos e di pterodattilo, ma anche di camper Winnebago con le ali e persino di Snoopy & Co. Al primissimo Red Bull Flugtag, tenutosi a Vienna nel 1992, sono già seguite oltre 100 edizioni in tutto il mondo, a ciascuna delle quali hanno assistito fino a 300.000 spettatori.

  • 1480
  • 1799
  • 1800
  • 1903
  • 1992
  • 1997
  • 1999
  • 2000
  • 2003
  • 2004
  • 2005
  • 2008
  • 2010
  • 2011
  • 2012

Cronologia & il sogno di volare

La storia dell'aviazione

E la storia del Red Bull Flugtag. Perché il nostro è un "passato lungo e glorioso... più o meno".

1480

Leonardo da Vinci compie i primi studi sul volo.

1799

Sir George Cayley progetta diversi alianti.

1800

L'ingegnere tedesco Otto von Lilienthal progetta per la prima volta un aliante in grado di coprire lunghe tratte con una persona a bordo.

Altri eroi del XIX secolo

Clément Ader
1841-1925

Gaston Tissandier
1843-1899

Alberto Santos-Dumont
1873-1932

Maurice Colliex
1880-1954

1903

Primo volo dei fratelli Wright

Helen Ditriye
1877-1961

Albert Ball
1896-1917

Gladys O'Donnell
1904-1973

... e molti altri ancora

1992

A Vienna si tiene il primo Red Bull Flugtag, che vede librarsi in volo velivoli tanto bizzarri quanto innovativi.

1997

Il Red Bull Flugtag conquista Germania e Svizzera.

1999

Il Red Bull Flugtag si svolge per la prima volta oltre i confini dell'area germanofona.

2000

A Vienna viene registrato l'incredibile record di 62 m.

2003

Surfin' USA: in occasione del Red Bull Flugtag di Chicago si librano in volo i primi piloti USA.

2004

In circa 300.000 si ritrovano al porto di Amburgo per assistere al Red Bull Flugtag.

2005

A Bratislava (Slovacchia) si svolge il 50° Red Bull Flugtag.

2008

La città polacca di Poznan ospita il 75° Red Bull Flugtag.

2010

63,09 m: record mondiale!

In occasione del Red Bull Flugtag di Saint Paul (Minnesota) l'aliante "The Liberator" infrange tutti i record. Ma la sua performance non è destinata a rimanere la migliore di tutti i tempi...

2011

Il 22 maggio 2011 si svolge a Dublino (Irlanda) il 100° Red Bull Flugtag.

2012

Il Red Bull Flugtag compie 20 anni.

Tutto chiaro?

FAQ

Cos'è il Red Bull Flugtag?

Il “Flugtag” – traduzione letterale: “Giorno del volo” – è un concorso di volo unico nel suo genere, pensato per regalare al pubblico momenti di puro divertimento. Nel corso dell’evento intrepidi team e aspiranti aviatori esibiscono tutta la loro creatività, ingegnosità e audacia lanciandosi da una piattaforma di 6 m d’altezza con un velivolo a propulsione esclusivamente muscolare costruito con le loro mani.

A quando risale il primo Red Bull Flugtag?

Il primo Red Bull Flugtag risale al 1992 e si è svolto a Vienna (Austria).

Dove e quando si svolge il Red Bull Flugtag?

Il Red Bull Flugtag fa tappa in tutto il mondo. Quest’anno anche a Zurigo (Svizzera), dove è in programma per il 16 luglio.

Il Red Bull Flugtag fa parte di una "World Series"?

No, ciascun evento è slegato dagli altri. Red Bull ha però già messo le ali a intrepidi piloti in tutto il mondo: da Stoccolma a Mosca, da Ottawa a Chicago, da Buenos Aires ad Abu Dhabi. E ora si prepara a far tappa a Zurigo.

Quanti team partecipano?

Le iscrizioni sono ancora aperte. Se ti interessa partecipare puoi effettuare la registrazione su www.redbullflugtag.com/ch.

Qual è il volo più lungo mai registrato in occasione di un Red Bull Flugtag?

Il volo più lungo mai registrato è di 78,65 m. Quest’incredibile distanza è stata coperta a Long Beach (California) nel 2013.

Le iscrizioni dei team al Red Bull Flugtag in programma quest'anno a Zurigo sono ancora aperte?

Sì, le iscrizioni sono ancora aperte. I team interessati possono iscriversi su www.redbullflugtag.com/ch.

È già capitato che uno dei partecipanti al Red Bull Flugtag si ferisse in modo serio?

Come la maggioranza dei pionieri dell’aviazione, anche alcuni dei partecipanti al Red Bull Flugtag si sono procurati delle piccole ferite, ma mai nulla di grave o pericoloso.

Non mi sono ancora registrato, ma mi piacerebbe lanciarmi dalla piattaforma con la mia macchina volante. È consentito?

Purtroppo no. I nostri intrepidi team hanno lavorato davvero sodo per riuscire a partecipare. Solo i team registrati e debitamente selezionati possono prendere parte al Red Bull Flugtag.

Come avviene la valutazione dei team?

Il Red Bull Flugtag è un evento tanto unico quanto pazzo. I partecipanti vengono valutati sulla base dei seguenti criteri: la distanza coperta dalla loro macchina volante, la creatività dimostrata nel realizzare il velivolo e la performance pre-volo (hanno infatti 45 secondi di tempo per fare colpo sul pubblico esibendosi sulla piattaforma).

Ciascun team è invitato a curare allo stesso modo ognuno di questi aspetti, così da ottenere il maggior punteggio possibile.

Distanza: non vi è molto da spiegare. Cerca semplicemente di volare il più lontano possibile sulle acque del Lago di Zurigo. Ti verrà assegnato un punto per ogni metro percorso – più lontano volerai, maggiore sarà il punteggio.

Creatività: ciò che conta sono il design e l’originalità della macchina volante e del tuo team. Più fantasioso è il tutto, meglio è. Il punteggio massimo è di 40 punti.

Performance pre-volo: prima di lanciarvi dalla piattaforma, tu e il tuo team avete a disposizione esattamente 45 secondi di tempo per fare colpo sugli spettatori con la vostra esibizione e conquistarli con la vostra musica preferita!

Posso avere uno sponsor e apporre un brand sul mio velivolo?

Il nome del team può contenere denominazioni di partner. Eccezione: non sono ammesse denominazioni riconducibili al segmento degli energy drink.
Sono ammesse scritte pubblicitarie di terzi su indumenti e velivoli. Quelle riportate sui velivoli possono avere dimensioni di max. 1 x 40×40 cm e 2 x 20×20 cm. Gli organizzatori non hanno alcun obbligo nei confronti degli sponsor appositamente ingaggiati dai team in concomitanza con il Red Bull Flugtag.
Non sono ammesse pubblicità che contravvengano alle leggi nazionali, di cattivo gusto o che offendano il senso del decoro.
Ove sussistano dei dubbi, si prega di contattare gli organizzatori.

Le regole

1

Sicurezza

2

Costruzione

3

Team

Il Red Bull Flugtag è pensato per regalare a tutti i partecipanti e spettatori una divertente giornata all’aria aperta. Lanciarsi da una piattaforma di 6 m con un velivolo fai-da-te per poi effettuare un atterraggio d’emergenza nel lago, è però sempre un po’ rischioso. I partecipanti sono pertanto chiamati a osservare una serie di regole fondamentali.

I partecipanti che si lanciano in acqua DEVONO indossare i giubbotti di salvataggio e i caschi forniti dagli organizzatori.

All’interno del velivolo il pilota NON DEVE allacciare cinture, né sedere in una capsula o in un cockpit da cui non abbia modo di uscire.

I costumi non devono assolutamente potersi impigliare da nessuna parte. Non devono inoltre ostruire la visuale del pilota, ostacolarne la respirazione o impedirgli di nuotare.

Tutti i piloti, come pure il team di spingitori, devono essere in grado di nuotare per 100 m senza bisogno di aiuto. Quando progetti il tuo costume ricorda che dovrai poter nuotare anche una volta indossatolo.

Ciascun team è responsabile della progettazione e dello sviluppo sicuri della propria macchina volante. Laddove possibile, provvederemo naturalmente a darti una mano. Il design dell’apparecchio verrà esaminato dal Safety Team, il quale si adopererà per far sì che il volo sia il più sicuro possibile. Qualora il Safety Team non dovesse essere convinto al 100% dovrai apportare le modifiche del caso. In mancanza di un certificato di aeronavigabilità non ti sarà permesso partecipare.

Al momento di preparare il velivolo in loco e, successivamente, di volare, il pilota e il team di spingitori non devono essere sotto l’effetto di alcool o altre sostanze, il che significa anche che non è permesso volare qualora si stia ancora smaltendo una forte sbornia. Qualsiasi team o persona che si presenti al Flugtag in stato di ebrezza o sotto l’effetto di droghe verrà squalificato/a.

Chi dovesse rimanere ferito al momento del lancio o sentirsi male dopo il volo DEVE consultare il team medico presente in loco per accertarsi di non avere nulla di grave. Non dimenticare che quello in cui ti lancerai è un lago, e non una piscina – le sue acque sono popolate da esseri viventi di vario genere. Gli organizzatori sapranno tenere a bada eventuali coccodrilli, ma se a evento concluso dovessi sentirti poco bene, vai dal medico e spiegagli che sei finito in un lago.

La tua macchina volante finirà in acqua: accertati perciò che galleggi. Opta possibilmente per materiali più leggeri dell’acqua. Legno e plastica, ad es., sono meglio del metallo. Non potrai naturalmente fare a meno di ricorrere al metallo per realizzare determinate parti. Queste ultime dovranno assolutamente essere fissate a dei galleggianti. Se possibile, utilizza tubi profilati o oggetti cavi. Il velivolo potrà così essere recuperato con maggior facilità – e il rischio che tu finisca sul fondo del lago sarà minore.

È ammesso il solo impiego della forza fisica. Sono invece banditi motori, razzi, batterie ed elastici intelligenti.

La macchina volante deve essere stata interamente progettata e costruita dal tuo team. Non è consentito ricorrere ad aeroplani leggeri o deltaplani adattati o modificati.

La larghezza dell’apparecchio non deve superare i 10 m – dall’estremità di un’ala a quella dell’altra ala, s’intende (sempre che il velivolo sia dotato di ali). È inoltre prevista una lunghezza massima di 8 m dalla punta alla coda (a patto che l’apparecchio ne sia provvisto). L’altezza delle macchine volanti non deve superare i 3 m.

La macchina volante deve poter essere sollevata sulla piattaforma e recuperata dalle acque del lago. Fai dunque in modo che sia il più leggera possibile – e vedi di non impiegare materiali che possono impregnarsi d’acqua (ad es. tessuti pesanti). Questo vale anche per i costumi.

Evita di ricorrere a materiali tossici o che possono sciogliersi a contatto con l’acqua. La nostra responsabilità nei confronti dell’ambiente implica anche un’attenta scelta dei materiali usati per realizzare i velivoli. Ti raccomandiamo inoltre di non servirti di materiali che possono disgregarsi o difficilmente recuperabili. Il tuo dispositivo di galleggiamento, ad es., non deve essere di polistirolo – le palline bianche di cui è fatto sono infatti difficilissime da ripescare e per di più possono uccidere anatre & Co.!

In fase di progettazione e realizzazione ricorda di pensare anche all’impatto con l’acqua. Verifica che in prossimità del cockpit non vi siano oggetti duri o appuntiti in grado di provocare delle lesioni. Smussa eventuali spigoli e accertati che in prossimità della maniglia o del pilota non siano presenti chiodi, viti o altri oggetti appuntiti. È inoltre importante che gli elementi di raccordo non possano spezzarsi. In caso contrario potrebbero infatti formarsi spigoli e frammenti pericolosi. Le eliche possono ovviamente essere un fattore di grande divertimento, assicurati però che non possano fare a brandelli nessuno.

Per quanto riguarda lo smaltimento dei velivoli, vi sono due possibilità: i partecipanti possono riportare a casa le loro macchine volanti, oppure affidarne lo smaltimento direttamente agli organizzatori (costo: fr. 250.-).

Il team deve essere formato da non più di cinque persone: un pilota e quattro spingitori.

Tutti i componenti del team devono avere almeno 16 anni (se tra costoro vi sono uno o più minorenni, si prega di segnalarlo al momento dell’iscrizione).

Tutti i componenti devono essere sani e in forma e non essere affetti da disturbi o malattie che potrebbero aggravarsi a seguito della partecipazione all’evento.

Tutti i componenti del team che si lanciano dalla piattaforma devono essere in grado di nuotare per 100 m senza bisogno di aiuto. Tutti devono inoltre indossare i giubbotti di salvataggio e i caschi forniti dagli organizzatori.

Accertatevi che tutti i partecipanti abbiano letto e sottoscritto la clausola di esclusione della responsabilità.